Cerca
  • Nicola Passarini

Cos'è l'oro?

Aggiornato il: 24 gen 2019


In questo primo articolo del blog mi piacerebbe fare un po’ più di chiarezza sul metallo che tratto principalmente dando un po’ di nozioni fondamentali che possono risultare utili per capire un po’ meglio questo materiale.


INFORMAZIONI DI BASE


L’oro è un elemento chimico il cui simbolo è ‘Au’, dal nome latino ‘Aurum’.

Si tratta di un metallo prezioso e morbido che, allo stato grezzo, si presenta con un intenso colore giallo.

La sua ‘purezza’ si misura in carati.

Nel caso delle leghe d’oro un carato equivale a una parte d’oro su un totale di 24 parti di metallo costituente la lega.

La parola deriva dall'arabo ‘qirat’, che significa ‘ventiquattresima parte’, a sua volta derivante dal greco ‘keràtion’, ovvero dai semi del frutto dell’albero del ‘carrubo’ (chiamati ‘carruba’), i quali, si credeva in antichità, avessero una massa eccezionalmente uniforme pari circa a 1/5 di grammo.

Il seme del carrubo (detto, appunto, ‘carato’) veniva perciò preso come ‘massa comparativa’.

Ovviamente, che i semi del carrubo abbiano tutti una massa identica tra loro seppur essa sia in verità molto uniforme, è una credenza del passato, ma si usa ancora il termine.


Albero del carrubo

Carruba

'Carato'


CARATTERISTICHE PRINCIPALI


L’ oro è inalterabile all'aria e alla maggior parte degli agenti chimici e può essere lavorato e modellato con facilità.

E’ un ottimo conduttore di calore ed elettricità, oltre che un eccellente riflettore della luce.


Artigiano che lavora l'oro

Formazione di un lingotto

DOVE SI TROVA


L’ oro si trova principalmente allo stato nativo o legato ad altri metalli.

Può essere trovato come ‘oro di miniera’, incrostato o disperso in filoni di ‘rocce ignee’ (‘magmatiche’),


Oro di miniera

o come ‘oro di bacino’ o ‘oro alluvionale’,


Raccolta d'oro "alluvionale"

sotto forma di granelli sciolti, squame o pepite,



tra le acque trasportate dai fiumi che erodono le rocce aurifere.

I cristalli ben formati sono molto rari e si trovano solamente nella roccia madre.

L’ oro si può presentare anche come raggruppamento di cristalli minuscoli che acquisiscono la forma dei rami di un albero (chiamata ‘forma dendritica’, dal greco ‘dendron’, albero).


Oro dendrico

Le pepite sono particelle di grandezza variabile dalla forma irregolare.


Pepite d'oro

Le squame e i granelli sono piccoli frammenti d’oro che sono stati rilasciati dalla roccia madre e trascinati dalle correnti.


Frammenti d'oro



DISTRIBUZIONE E GIACIMENTI


L’ oro è relativamente abbondante in tutto il pianeta. Il Sudafrica è il primo produttore di oro nel mondo. Dalle miniere di Witwatersrand si estrae 1/3 dell’oro mondiale.




Giacimenti importanti sono localizzati nella conca del fiume Porcupine in Nord America,


Il fiume ‘Porcupine’

in Australia, in Canada e in Russia.



CENNI STORICI


L’ oro è molto apprezzato sin dall'antichità e dai primi popoli che abitarono questo pianeta: da sempre viene usato per la manifattura di ornamenti, gioielli e rituali.


Questi sono manufatti trovati nella Necropoli di Varna, seconda città della Bulgaria dopo la capitale Sofia. Sono datati tra il 4600 e il 4200 a.C (Età del Rame) il che li rende gli oggetti d’ oro più antichi finora rinvenuti nella storia dell’ Uomo

Agli inizi della storia dell’ umanità, soltanto i re e gli dèi potevano possedere oro.

I sovrani delle ‘culture adoratrici del sole’ (come quella egizia o quella inca) lo usavano per rappresentare questa divinità e per creare gioielli da indossare. Già l’Egitto e la Nubia (regno antico comprendente l’Egitto meridionale e la parte settentrionale del Sudan) avevano risorse tali da collocarli tra i produttori d’oro più importanti tra le civiltà della storia antica.

L’oro, specialmente nel periodo di formazione dello stato egizio, ebbe sia un ruolo politico che economico: fu uno degli elementi all'origine della divinizzazione del faraone e della nascita delle città. Di fatto, oltre a produrre fini lamine di oro mediante il martellamento, gli egizi realizzarono meravigliose maschere funerarie delle quali possediamo ancora numerosi esemplari.


Maschera funeraria del faraone Tutankhamon datata metà del xiv sec. a.C e conservata nel Museo Egizio di Il Cairo

L'oro è stato a lungo considerato uno dei metalli più preziosi: la scoperta di grandi quantità di oro nel XIX secolo negli Stati Uniti e in Australia, introdusse nel mercato una tale quantità di questo metallo che i paesi decisero di usarlo come valore della valuta (sistema denominato ‘Gold Standard’, abolito e sostituito dal 1944).

La moneta apparve quando gli scambi divennero impossibili a causa dell’elevata quantità di prodotti disponibili, così fu necessario cercare qualcosa che fosse di valore e universalmente accettato.

Con la ‘rivoluzione metallurgica’ (la scoperta del modo in cui lavorare i metalli, la quale ha origini nella storia antica e prosegue nell'arco degli anni procedendo con le innovazioni tecnologiche) i metalli, e soprattutto l'oro, furono considerati la mercanzia perfetta per realizzare le transazioni.

Il metallo si misurava a seconda del peso e, poiché non era facile da controllare, si incideva un segno sopra i lingotti o i pezzi del metallo al fine di garantirli.

Si pensa che le prime monete 'emesse da uno stato' vennero coniate dal re Creso, sovrano della Lidia (attuale Turchia), nell'Asia Minore occidentale, dal 560 al 546 a.C., costituite da una lega di oro e argento chiamata ‘elettro’.


Moneta di re Cresio, chiamata ‘Creseide’, fronte e retro

e ancora in Persia con l'imperatore Dario che produsse il 'Darico'


Darico fronte (raffigurante il re persiano Dario) e retro (420-375 a.C) corrispondente alla paga mensile di un soldato

fino ad arrivare ad Alessandro Magno con lo ‘Statere’.


Macedonia, Statere (330-320 a.C)

Nel 300, l’imperatore romano Diocleziano impartì l’ordine di bruciare gli scritti degli antichi egizi che descrivevano il modo di fabbricare oro e argento.

Questo accadimento dà un’idea dell’antichità dell’alchimia, un insieme di conoscenze naturalistiche e filosofiche, antenate della scienza moderna, che nell'immaginario popolare rappresentano la ricerca del modo di trasformare il piombo o altri metalli in oro; anche se alcuni studi ritengono che fossero più un metodo segreto codificato di formule (in modo da sfuggire all'Inquisizione dell’epoca) per trasformare la materia grezza, la stupidità e l’incapacità (rappresentate da un metallo di poco valore come il piombo) in conoscenza, abilità e spiritualità (rappresentate con un metallo nobile come l’ oro). Gli alchimisti vissero in ogni paese e in ogni epoca e uno dei più famosi tra essi, Teofrasto Paracelsio (1493-1541), fu il primo a utilizzare composti chimici e minerali in medicina.


In Alchimia, simbolo usato per rappresentare l’oro

Tempo dopo, l’esplorazione europea delle Americhe (a partire dal 1492) fu incentivata dai resoconti dei primi esploratori che narravano della gran quantità di monili d’oro indossati dalle popolazioni native, soprattutto in America Centrale, Perù e Colombia.






Oggetti ornamentali provenienti da civiltà precolombiane



Continuando il corso del tempo, nel 1849, nel ranch del generale John Sutter, in California, i sorveglianti della proprietà scoprirono delle pepite d’oro. Il generale provò ad occultare il ritrovamento per evitare quello che poi, alla fine, accadde: migliaia di persone abbandonarono i propri lavori e le proprie famiglie per cominciare ad attraversare la regione alla ricerca dell’ oro. Sebbene molti fecero fortuna, la maggior parte di essi continuarono ad essere poveri: era il tempo dell’ avventura della ‘grande frontiera’ alla ricerca di fortuna per migliorare le proprie condizioni di vita. Infatti nel XIX secolo esplosero tante ‘corse all'oro’ (cioè periodi di febbrile migrazione di lavoratori in aree nelle quali si verificò la scoperta di notevoli quantità d’oro sfruttabili commercialmente) quanti furono i bacini auriferi scoperti; in particolare: California, Colorado, Otago centrale, Australia, Witwatersrand, Black Hills e Klondike.


Giornale d'epoca riguardo la corsa all'oro in Klondike

Un manifesto d’epoca che pubblicizza la vendita di biglietti per i vaporetti verso la corsa all'oro in California.

Anche in varie correnti filosofiche e religiose l’oro acquista un significato.

Secondo il ‘Vangelo secondo Matteo', l'oro fu uno dei doni portati dai Magi al ‘Bambino Gesù’: per la cristianità l'oro simboleggia la regalità di Gesù.

Nel Buddismo viene equiparato alla fede e alla ‘retta convinzione’ (uno dei suoi principi).

E la ‘magia dell’ oro’ risiede ancora in molti miti e leggende (basti pensare a ‘Re Mida’ o ‘El Dorado’), nelle ricche tombe egizie riportate alla luce, negli scrigni dei tesori dei pirati e nei galeoni affondati nel mare con preziosi carichi di monete.


Immagine rappresentante la leggenda di ‘El Dorado'

Grazie al suo valore e alla sua resistenza alla corrosione, gran parte dell’ oro estratto nel corso della storia è tuttora in circolazione, in qualche forma.



ORO OGGI: METALLO PREZIOSO E USI


L’oro, per le sue rarità, lucentezza e inalterabilità, è adorato sin dall'alba dei tempi, e per il suo colore è associato al sole. I popoli più antichi lo avevano identificato con lealtà, purezza, valore, coraggio individuale, forza e potere. Per altro, oltre agli usi tradizionali, come in gioielleria e per la coniazione di monete, occupa anche un posto importante negli usi dell’ industria elettronica, spaziale, degli armamenti, medica e del vetro.

L’oro puro (24 carati o 999,9) è molto morbido e poco resistente, e proprio per questa ragione viene mescolato con altri metalli per indurirlo e poterlo lavorare meglio.




In questo modo si ottiene una bellissima e varia gamma di tonalità:


Oro giallo: 750gr di oro fino + 125 gr di argento fino + 125 grammi di rame

Oro bianco: 750gr di oro fino + 250gr di palladio o di argento fino

Oro grigio: 750gr di oro fino + c.ca 150gr di nichel + il resto rame

Oro rosa: 750gr di oro fino + 50gr di argento fino + 200gr di rame

Oro rosso: 750gr di oro fino + 250gr di rame

Di solito la caratura dei gioielli italiani è di 750 carati su 1000 o 18 carati su 24 (dipende che intero si prende), ma esistono altre leghe di diverse carature:


Sterlina in oro: coniate in 916 carati

Protesi dentarie: all’ incirca 300 carati

Come si può intuire ne esistono altre, infatti ci possono essere gioielli rispettivamente di 585, 400 e 375 carati e così via.

Tutto dipende con che quantità di oro si decide di lavorare, e ne conseguirà anche un valore più o meno alto del prezioso in questione.



IL “LATO OSCURO” DELL’ ORO


L’oro purtroppo ha anche un ‘lato oscuro’... malauguratamente lo sfruttamento delle enormi ricchezze del bacino dell'Amazzonia (iniziato nel XVIII secolo) non si è ancora arrestato.

E’ il caso dei ‘garimpeiros’ (voce portoghese indicante i cercatori d’oro e di diamanti) affluiti in massa nell’Amazzonia a partire dal 1979 quando venne scoperto un ricco giacimento a Serra Pelada. Circa un milione di diseredati sogna la ricchezza lavorando fino allo sfinimento nelle miniere ma è condannata ad una vita di stenti e di miseria.

Si calcola che solo un terzo dell’oro e dei diamanti estratto passi attraverso i canali ufficiali, la restante parte entra nel mercato nero collegato al narcotraffico che controlla i giacimenti posti al confine con la Bolivia e la Colombia.

Chi gestisce il contrabbando dell’oro controlla anche la vita dei garimpeiros i quali si adattano al regime di illegalità e violenza che domina nelle zone minerarie ed a loro volta commettono soprusi e violenze sulle popolazioni locali.

Edoardo Galeano (un giornalista, scrittore e saggista uruguaiano)  disse che la grande sfortuna del Brasile è stata quella di essere troppo ricco di materie prime (oro, diamanti, carbone, caucciù , cacao): un’inesorabile condanna per i brasiliani.

Purtroppo questo sistema vede passare grandi ricchezze attraverso le mani dei brasiliani per finire nelle tasche delle potenze straniere.

Si consiglia perciò di verificare la provenienza dei metalli e delle pietre preziose al momento dell’acquisto, quando possibile, in modo da non appoggiare inconsapevolmente gli introiti di aziende e multinazionali legate al mantenimento della criminalità, traffici illegali, zone di guerra e sfruttamento di popolazioni in povertà.


Garimpeiros all’ opera



CURIOSITA’


Concludendo, l’oro è anche fonte di record e di notizie.

Alcuni storici pensano ad esempio che la leggenda di Re Mida nacque dal re Cresio, che col suo sigillo validava la moneta rendendola ‘legale’ nella valuta dell’epoca (da cui il ‘tocco’ che tramutava tutto in oro di Mida).

Per finire in bellezza, qui si possono ammirare alcune foto delle pepite più grandi del mondo:



La più grande pepita d'oro mai trovata fu la ‘Welcome Stranger’, rinvenuta nel 1869 a Moliagul (Victoria, Australia) da John Deason e Richard Oates.

Pesava, al lordo, più di 78,38 kg e restituì un netto di 71,04 kg.


Welcome Stranger


La più grande pepita ancora integra, con un peso di 60,82 kg, è la pepita ‘Canaã’,  scoperta in Brasile il 13 settembre 1983 da Julio de Deus Filho nel Garimpo da Malvina, nella Serra Pelada. Attualmente è conservata presso il ‘Museo dei valori del Banco Central do Brasil’, a Brasilia, che la acquistò il 20 dicembre 1984.


Canaã


Giungendo al termine, la più grande pepita visibile al pubblico è la ‘Hand of Faith’. Trovata nel 1980 grazie ad un metal detector da Kevin Hillier nei pressi di Wedderburn in Australia, pesa 27 kg ed è esposta nell'hotel ‘The Nugget’ di Las Vegas.


Hand of Faith


Eccoci qua... queste erano informazioni per lo più “accademiche” e “curiosità”.

Ti ringrazio per aver letto fin qui, e ci sentiamo nel prossimo articolo! 😊🖐

0 visualizzazioni
  • Facebook - cerchio grigio
  • Instagram - Grigio Cerchio
  • YouTube - cerchio grigio

© 2018 Gold Stone, Compro Oro e Argento di Nicola Passarini. Design by A.F.